ESCLUSIVA TLP - Sergio Cruz: "Ho fatto fatica ad Andria. Mister Favarin ha snaturato il mio ruolo"

 di Luca Esposito Twitter:   articolo letto 2887 volte
Sergio Cruz
© foto di Settonce Photo Agency/TuttoLegaPro.com
Sergio Cruz

Dopo l’ultima stagione trascorsa alla Fidelis Andria con 31 presenze e 3 gol segnati, l’attaccante Sergio Cruz è in cerca di una nuova sfida, e soprattutto di un club che lo valorizzi per quelle che sono le sue caratteristiche tecniche. Il calciatore nato a Rio de Janeiro 29 anni fa, ai microfoni di TuttoLegaPro.com ha detto di augurarsi di rimanere nell’Italia meridionale, perché ha una fidanzata al Sud e per restare più vicino a lei vorrebbe continuare a giocare nel meridione: inciderà anche questo nella scelta della prossima destinazione di Cruz.
“La scorsa stagione è stata un'annata strana per me. Era partita sotto i migliori auspici, con il contratto triennale al Chievo e con tre concrete proposte in Serie B che però non ho accettato, perché volevo partire titolare fin da subito. Mi aveva nel frattempo contattato Doronzo, il ds dell'Andria, che mi voleva fortemente, e la stima che ripongo in lui mi aveva fatto tralasciare altre società, perché sentivo che sarebbe stato un anno importante per me”.

Perché dice che la sua stagione è stata un po’ strana?
“Sono arrivato ad Andria e subito mi sono integrato nella città e nello spogliatoio. Ho iniziato facendo gol al Bari nella mia prima amichevole, e presentandomi ai tifosi in questo modo, però in avvio di campionato mister Favarin non mi ha subito utilizzato. Ma da quando mi ha messo in campo e ho incominciato a giocare con continuità, segnavo e facevo segnare i compagni. Le mie prestazioni erano tutte da 7 in pagella. Per esigenze di squadra, c'erano spesso tanti infortunati, il mister mi ha arretrato sempre più di posizione, e da finalizzatore e da attaccante puro quale ero, sono stato schierato dietro le punte o alle spalle di un’unica punta, per cui nel girone di ritorno, per necessità, mi sono trovato ad accettare il ruolo di mediano e centrocampista, lasciando e snaturando la mia personale collocazione in campo. Ecco il motivo dei pochi gol".

I suoi auspici per la nuova stagione?
“Adesso come adesso, la mia intenzione è di rimanere nel girone meridionale anche perché ho una fidanzata al Sud. Credo di aver lasciato una buona impressione e spero tanto di trovare una sistemazione quanto prima.  Ritengo che la mia esperienza ad Andria sia stata buona. Ho avuto delle proposte da tre società del girone A e due del girone B, ma come ho detto prima, spero di giocare al Sud”.