ESCLUSIVA TLP - Prato, Ds Califano: "Dopo quattro grandi arrivi adesso è caccia alla punta. E i migliori non andranno via"

 di Sebastian DONZELLA  articolo letto 2592 volte
© foto di Dario Fico/TuttoNocerina.com
ESCLUSIVA TLP - Prato, Ds Califano: "Dopo quattro grandi arrivi adesso è caccia alla punta. E i migliori non andranno via"

Nonostante una prima parte di stagione deludente, il Prato non ha intenzione di mollare la presa. Il club toscano, penultimo nel Girone A, si è già rafforzata ottimamente nella prima settimana di mercato con tre arrivi. TuttoLegaPro.com ha intervistato in esclusiva il direttore sportivo dei lanieri, Gianni Califano.

Piscitella dalla Roma, Strada dal Brescia e Gargiulo dall'Empoli. Tre giovani dalle categorie superiori, tutti appetiti da altri club...

"Siamo contenti che tutti e tre abbiano scelto Prato nonostante avessero diverse opzioni. Piscitella, ad esempio, è stato l'oggetto del desiderio di squadre con una classifica nettamente migliore della nostra. Ma anche Strada e Gargiulo potevano andare altrove, in club dalla graduatoria più felice. E la loro scelta, ripeto, ci ha fatto enormemente piacere".

A fine anno, inoltre, è arrivato anche l'ex Milan Marzorati.

"Per la prima volta in carriera è sceso in Lega Pro dopo tanti anni in Serie A e B. Il suo arrivo ha permesso di completare il reparto difensivo con un rinforzo di grande qualità".

Nonostante la classifica, insomma, i giocatori vengono volentieri a Prato.

"Stiamo parlando di un club che da quasi 40 anni disputa il campionato di Lega Pro e che, a livello economico, non ha alcun problema. E anche per me lavorare in una società seria come questa è motivo di grande orgoglio".

La voglia di rimanere in Lega Pro è testimoniata dal netto rifiuto alla cessione di Di Molfetta, in prestito dal Milan.

"Vogliamo salvarci e non lasceremo nulla d'intentato. Di Molfetta non andrà via e rimarranno anche gli altri che hanno avuto richieste: niente nomi, meglio concentrarci sul campionato. Però fa indubbiamente piacere che ci sia grande interesse per i nostri calciatori anche se siamo penultimi in classifica. Loro sanno benissimo che se giocheranno alla grande nel girone di ritorno, permettendo al Prato di salvarsi, le loro carriere ne beneficeranno".

Dopo i quattro arrivi, cosa manca a questa squadra?

"Una punta visto che Ogunseye ritorna all'Inter. Stiamo lavorando a diverse soluzioni ma ancora non vi è nulla di definito. Poi, se ci saranno altri addii, naturalmente, li rimpiazzeremo nel modo migliore. Di sicuro chi arriverà lo farà con grandi motivazioni: per salvarsi in Lega Pro la volontà è determinante".

In questo mercato di Lega Pro stiamo già vedendo movimenti di un certo tenore con tanti club blasonati che non pagano a spese.

"Anche per questo è bello far parte della Lega Pro: non essendo facile esserci, l'orgoglio di parteciparvi è maggiore. Negli ultimi anni, grazie anche alle nobili decadute come il Parma, il livello della terza serie si è alzato. Il campionato è molto più attraente e riceve più attenzioni. E in mezzo a tante grandi piazze, solamente quattro squadre riusciranno a salire in Serie B".