Vicenza, Benussi appende i guantoni al chiodo: "Chiudo qui"

 di Redazione TLP Twitter:   articolo letto 1989 volte
© foto di Federico Gaetano
Vicenza, Benussi appende i guantoni al chiodo: "Chiudo qui"

Stop con il calcio per il portiere Francesco Benussi, che ha deciso di appendere scarpe e guanti al chiodo. Soprattutto dopo l'’ultimo intervento chirurgico al ginocchio subito nello scorso mese di aprile.

L'estremo difensore classe '81, ultima stagione in B al Vicenza con 25 presenze da titolare, ha parlato a Trivenetogoal: "Non mi sento più in grado di dare quello che vorrei. E allora preferisco chiuderla qui, anche se il Vicenza mi avrebbe ripreso e devo ringraziare la società per questo. Mi ritengo una persona onesta, se so di non poter dare il 100% alla mia squadra, non voglio prendere in giro nessuno, neppure me stesso. E allora chiudo qui, nella speranza che adesso ricominci per me una nuova vita. Lavorerò in una scuola calcio fondata dall’ex portiere del Venezia Giuseppe Aprea e per adesso mi metterò assieme a lui e comincerò a guardare avanti. Perché mi piacerebbe fare l’allenatore dei portieri in futuro".

Sulla retrocessione dei biancorossi: "Non siamo retrocessi per colpa di Bisoli, questo lo posso dire con certezza. Ma perché si sono accumulate tante questioni in società. Ma, onestamente, con quella rosa, mai al mondo saremmo dovuti retrocedere. Colpa nostra. Sono contento che il Vicenza sia ripartito, ha costruito una buona squadra. Non so se sia da primo posto, ma con seimila abbonati e uno stadio fantastico può andare oltre i propri limiti…".