Santarcangelo, un punto di penalizzazione che non serve a nulla

 di Valeria DEBBIA  articolo letto 884 volte
© foto di Antonio Abbate/TuttoLegaPro.com
Santarcangelo, un punto di penalizzazione che non serve a nulla

E' giunta oggi la notizia che la Corte Federale d'Appello a Sezioni Unite ha parzialmente accolto il ricorso del Santarcangelo in merito alla penalizzazione di due punti patita dopo il deferimento nel processo calcioscommesse denominato "Dirty Soccer 3" [LEGGI QUI, ndr]. La società clementina si è vista così restituire un punto (oltre che ridurre la sanzione dell’ammenda da 35.000 a 5.000 euro).

Un punto che all'atto pratico non serve a nulla: i romagnoli, infatti, salgono a quota 51, appaiando il Bassano Virtus (qualificatosi alla prima fase dei play-off e già eliminato per mano del Pordenone), ma hanno la differenza reti negli scontri diretti a sfavore (4 gol subiti contro i 3 messi a segno).

Resta comunque una domanda: perché una tale decisione - che avrebbe potuto compromettere equilibri già acquisiti - è arrivata solo a campionato finito e a play-off già inoltrati?