Grassani: "Modena? Meglio il fallimento pilotato. 5-6 punti di penalità. E i prossimi stipendi..."

 di Sebastian DONZELLA  articolo letto 1644 volte

Mattia Grassani, esperto avvocato nel settore sportivo, tramite le frequenze di TRC ha discusso della difficile situazione in casa Modena: "Ritengo che l'istanza di ammissione al concordato sia fortemente intempestiva" - riporta TMW - "il concordato è come un jolly a 'Giochi senza Frontiere', uno se lo gioca quando ci sono le condizioni per condurre in porto una nave che imbarca acqua. In questo caso siamo solo all'avvio della stagione, ci sono il problema dello stadio e quelli di natura finanziaria che non sono di poco conto. Il concordato, che dovrebbe risanare o mettere in sicurezza un club, parte così fortemente condizionato. Sarebbe stata più salvifica la presentazione della domanda di fallimento pilotato, una scelta radicale che consente di estromettere la dirigenza esistente con l'intervento più incisivo del tribunale fallimentare. Penalità? Oscillerà fra i 5 e i 6 punti. Entro lunedì poi dovranno essere pagati gli stipendi di luglio e agosto e, non lo dico per fare il becchino, quando una società è malata bisogna tenere in considerazione ogni scadenza”.